Home » Diritto Immobiliare » Mancata allegazione materiale del certificato di destinazione urbanistica

Mancata allegazione materiale del certificato di destinazione urbanistica

E' valida la vendita anche se non è allegato il certificato di destinazione urbanistica.

Cass Sez. II,  sent.11377, del 29-04-2019 "Deve ritenersi in tema di atto traslativo di un terreno che la mancata allegazione materiale del certificato di destinazione urbanistica rileva quale fattore impeditivo del rogito notarile o della trascrizione dell’atto privato, ma non produce la ridetta nullità ove la compiuta formazione del titolo idoneo alla trascrizione sia ancora in itinere, mentre deve ritenersi possibile produrre detta certificazione durante il processo ancorché in ipotesi essa sia stata formata dopo la conclusione del contratto traslativo, laddove l’interesse alla formazione progressiva del contratto tramite il controllo delle sopravvenienze in materia di trasferimenti immobiliari così giustifica l’omologa esigenza della mera rinnovazione contrattuale, allorché la scrittura privata, benché definitiva, per essere trascritta debba essere riprodotta in forma pubblica ovvero accertata giudizialmente, mentre ipotizzare una disciplina alternativa, che affermi o neghi la separata produzione in giudizio del certificato secondo che l’azione proposta abbia, rispettivamente, natura costituiva ex articolo 2932 Cc o dichiarativa ai sensi e ai fini dell’articolo 2657 Cc, sacrificherebbe in maniera ingiustificata l’interesse delle parti alla mera rinnovazione contrattuale."