Studio Legale Cova

Assistenza in tutta Italia per ogni tipologia di responsabilità sanitaria

Richiedi informazioni chiamando il NUMERO VERDE Da Lunedì a Venerdì dalle 09.00 alle 19.00

Cosa si intende per dentista

Differenza tra Odontoiatra, Dentista, Odontostomatologo, Igienista e Odontotecnico

L'odontoiatria è quella branca della medicina che si occupa della prevenzione, della diagnosi e della terapia chirurgica o medica delle patologie che colpiscono il cavo orale e la regione maxillofacciale (denti, gengive, mascelle, articolazioni temporo-mandibolari, ghiandole salivari, mucose orali).

Oggi in Italia, per esercitare la professione odontoiatrica è necessaria l’iscrizione all’Albo degli Odontoiatri dopo aver conseguito Laurea in Odontoiatria e Protesi Dentaria.

Il Corso di Laurea in Odontoiatria e Protesi Dentaria, è stato istituito in Italia con il DPR 135 del 1980, in ottemperanza alle direttive dell’Unione Europea 686/78 e 687/78. In tal modo veniva soddisfatta l’esigenza di adeguamento normativo dell’Italia agli altri Paesi membri dell’Unione Europea con la creazione di una figura professionale, l’odontoiatra, ben distinta rispetto a quella del medico. Con la Legge 409 del 1985 è stato istituito l’esame di abilitazione all’esercizio professionale.

L’iter formativo prevede una formazione propedeutica di natura medico-biologica integrata con lo studio delle discipline cliniche. Alla preparazione teorica, in ottemperanza con le direttive comunitarie, è affiancato un tirocinio pratico clinico da espletare presso strutture universitarie sotto il controllo e del personale docente.

Tra le varie figure che hanno generato incomprensioni nella definizione di Dentista, Odontoiatra e Odontostomatologo vi sono alcuni laureati in Medicina e Chirurgia nel periodo precedente l’istituzione del corso di laurea in Odontoiatria e Protesi Dentaria che hanno potuto iscriversi all’Albo degli Odontoiatri ed esercitano tutt'oggi regolarmente la professione odontoiatrica.

In quegli anni, infatti, il corso di studi di Medicina e Chirurgia prevedeva anche il superamento di un esame di odontoiatria che veniva considerato sufficiente per iscriversi all'Albo ed esercitare la professione odontoiatrica.

E' stata riconosciuta la facoltà di iscrizione all'Albo degli Odontoiatri a peculiari categorie di medici tra i quali rientrano i laureati in Medicina e Chirurgia abilitati all'esercizio professionale che abbiano iniziato la formazione universitaria prima del 28 gennaio 1980.

Questa facoltà è stata estesa dall'art. 1 della L. 471/88 anche per i laureati in Medicina e Chirurgia immatricolati al relativo corso di studi entro il 31 dicembre 1984.

La stessa legge, inoltre, prevedeva il diritto di annotazione all'Albo degli Odontoiatri per i soggetti laureati in Medicina e Chirurgia in possesso dei seguenti diplomi di specializzazione: Odontoiatria e Protesi dentaria, Chirurgia odontostomatologica, Odontostomatologia, Ortognatodonzia).

Da quando però è stato istituito il corso di Laurea in Odontoiatria, tutto ciò non è più possibile e la Laurea in Odontoiatria è il primo ed unico passo ammissibile per poter aspirare ad esercitare la professione odontoiatrica; più precisamente, il corso di Laurea in Odontoiatria e Protesi Dentaria prevede un esame di stato finale ed una iscrizione all'Albo degli Odontoiatri (Ordine dei medici Chirurghi e degli Odontoiatri) per poter esercitare la professione.

La Laurea in Odontoiatria si divide poi in numerose specializzazioni:

· Odontoiatria Chirurgica (interventi per fratture e traumi della zona mandibolare, estrazione di denti, asportazione di cisti)

· Parodontologia (è la branca che cura le malattie dei tessuti paradentali)

· Odontoiatria Conservativa (sostituzione di tessuti danneggiati, trattamento delle patologie infiammatorie dei tessuti periapicali del dente e della polpa contenuta nel dente)

· Protesi dentali e Implantologia.

Pertanto, Dentista ed Odontoiatra svolgono entrambi la stessa professione, trattandosi di professionisti che lavorano per prevenire, diagnosticare ed eseguire le terapie necessarie per le malattie dei denti, delle gengive, delle mascelle, delle articolazioni temporo-mandibolari e dei relativi tessuti, entrambi sono obbligati dall'ordine dei Medici ad aggiornarsi continuamente (150 crediti ECM in 3 anni frequentando continui corsi di aggiornamento).

Diversa è la situazione del chirurgo maxillo-facciale.

La chirurgia maxillo facciale è una disciplina medica e chirurgica specializzata nella diagnosi e nella cura di malattie e infortuni, che colpiscono il cranio, il viso, la bocca, la mascella, la mandibola e/o il collo.
Cranio,viso, bocca, mascella, mandibola e collo costituiscono il cosiddetto complesso cranio-maxillo-facciale.

Il medico specializzato in chirurgia maxillo-facciale non dispone dei titoli richiesti dalla legge ai fini dell'iscrizione all'Albo degli odontoiatri e, pertanto, non può esercitare la relativa professione, salvo alcune ipotesi:

- iscrizione al corso di laurea in Medicina e Chirurgia prima del 28 gennaio 1980;

- iscrizione al corso di laurea in Medicina e Chirurgia entro il 31 dicembre 1984, esito favorevole dell'esame di stato per l'accesso alla professione medica con iscrizione all'Albo degli Odontoiatri e superamento della prova attitudinale prevista dal d.lgs 13 ottonre 1998 n. 386;

- iscrizione al corso di laurea in Medicina e Chirurgia entro il 31 dicembre 1984 e possesso di specializzazione odontoiatrica ex art. 19 comma 3 e art. 20 comma 1 lett b) l. 409/1985.

L'igienista dentale o dottore in igiene dentale invece è, nell'ordinamento italiano, un professionista sanitario che esercita in piena autonomia la propria attività, coadiuvando quella degli odontoiatri.

Tale professionista si occupa, nello specifico, della prevenzione delle patologie oro-dentali, e promuove la salute orale dei pazienti al fine di migliorarne anche la salute sistemica, nonché l'estetica e l'autostima; ha come fine la prevenzione e la terapia a livello del cavo orale con conseguenti implicazioni sistemiche. Riveste un ruolo importante nella terapia non chirurgica di mantenimento dei pazienti con malattia parodontale (parodontite).

La professione può essere esercitata in regime di dipendenza o come libero professionista

Per esercitare la professione di igienista dentale in Italia è necessario, ad oggi, conseguire la laurea di I livello e l'abilitazione all'esercizio della professione di igienista dentale oppure possedere un titolo del previgente ordinamento riconosciuto equipollente o equivalente. I laureati in igiene dentale possono avvalersi del titolo di dottore in igiene dentale.

· Diploma universitario in igiene dentale (3 anni) (esame abilitante all'esercizio della professione);

· Laurea triennale in igiene dentale (3 anni, 180 CFU) - Titolo: "dottore in igiene dentale";

· Laurea magistrale in scienze delle professioni sanitarie tecniche assistenziali (2 anni, 120 CFU) - Titolo: "dottore magistrale in igiene dentale".

Diversa Dall'odontoiatra è la figura Dell'odontotecnico

L’odontotecnico è una figura professionale, diplomato alle scuole superiori in tre anni più due, 5 in tutto.

Al termine dei primi tre anni di studi però lo studente sosterrà un esame per ottenere un diploma di Operatore Meccanico del settore Odontotecnico che potrà permettere di esercitare la professione solo come dipendente.

Per avere un proprio studio ed essere autonomi o per accedere a qualsiasi corso di laurea lo studente sarà obbligato a frequentare anche i due anni successivi al termine dei quali sosterrà un esame per ottenere il diploma di maturità professionale ed un altro esame per l’abilitazione all’esercizio della professione odontotecnica.

L’odontotecnico è un artigiano che progetta e costruisce materialmente nel suo laboratorio con tecnologie molto sviluppate le protesi sulle impronte che il Dentista ha preso dalla bocca del paziente e sulle sue prescrizioni, il medico Dentista inserirà materialmente in bocca del paziente le protesi una volta terminato il lavoro dell'odontotecnico.

Il Dentista e l'igienista sono però gli unici autorizzati a poter inserire le mani nella bocca dei pazienti; quindi non è abilitato l'odontotecnico e l'assistente alla poltrona non può eseguire l'igiene orale.

Se ritieni di essere vittima di un caso di Malasanità in odontoiatria contatta lo Studio Legale COVA per sapere se hai diritto a un risarcimento dei danni che hai subito compilando il modulo a fianco, raccontando cosa è accaduto e descrivendo le tue perplessità in proposito.

Indica anche nome, cognome, data di nascita e numero di telefono, per un immediato contatto.

Oppure prenota una videoconferenza con l'Avv. Andrea Cova scrivendo al nr. 338.1209218. 

Ti assistiamo in tutta Italia

L'Avv. Andrea Cova segue personalmente i propri clienti su tutto il territorio nazionale e può assisterti nelle seguenti località:

Ancona, Agrigento, Aosta, Andria, Ascoli Piceno, Avellino, Alessandria, Arezzo, Asti Bari, Barletta, Belluno, Benevento, Bergamo, Biella, Bologna, Bolzano, Brescia Pescara, Brindisi, Cagliari, Caltanissetta, Campobasso, Carbonia-Iglesias, Caserta, Catania, Catanzaro, Chieti, Como, Cosenza, Cremona, Crotone, Cuneo, Enna, Frosinone, Ferrara, Forlì-Cesena, Fermo, Firenze, Foggia, Genova, Gorizia, Grosseto, Imperia, Isernia, Latina, La Spezia, L’Aquila, Lecce, Lecco, Lodi, Livorno, Lucca, Macerata, Mantova, Matera, Massa-Carrara, Medio Campidano, Messina, Milano, Modena, Monza Napoli, Novara, Nuoro, Ogliastra, Olbia-Tempio, Oristano, Padova, Palermo, Pavia, Parma, Perugia, Pesaro Urbino, Piacenza, Pisa, Pistoia, Pordenone, Potenza, Prato, Ragusa, Ravenna, Reggio Calabria, Reggio Emilia, Rieti, Rimini, Roma, Rovigo, Sassari, Savona, Salerno, Siena, Siracusa, Sondrio, Taranto, Teramo, Terni, Torino, Trapani, Trento, Treviso, Trieste, Udine, Varese, Venezia, Verbania, Vercelli, Verona, Vibo-Valentia, Vicenza, Viterbo.