Studio Legale Cova

Assistenza in tutta Italia per ogni tipologia di responsabilità sanitaria

Richiedi informazioni chiamando il NUMERO VERDE Da Lunedì a Venerdì dalle 09.00 alle 19.00

Procedura seguita dallo Studio

Ogni caso di presunta responsabilità odontoiatrica che viene sottoposto all'attenzione dei professionisti dello Studio COVA, per poter essere accettato riceve sempre una duplice analisi: giuridica da parte dell'Avvocato COVA e medica da parte dell'Odontologo Forense.

Il primo passo è, quindi, rappresentato dall'acquisizione di una ricostruzione della vicenda, nella quale l’interessato racconta cosa è accaduto e descrive le proprie perplessità in proposito; è necessario che tale ricostruzione sia il più possibile precisa e dettagliata, al fine di far comprendere chiaramente quali sono gli aspetti critici della vicenda.

Insieme alla ricostruzione, per poter esprimere con fondatezza il proprio parere, legale e medico hanno bisogno di copia di tutta la documentazione (medica e non medica) relativa alla vicenda, con particolare riferimento alla cartella clinica e ai documenti pertinenti, quali Tac, panoramiche, certificati, fatture/ricevute di pagamento, ecc.

La copia della cartella clinica va richiesta allo studio dentistico (Leggi tutto).

Mentre per i casi di malasanità difficilmente sorgono problemi per ottenere la copia della cartella clinica, In ambito odontoiatrico si verifica l'esatto contrario.

Quasi sempre infatti le cliniche odontoiatriche o i singoli medici, non la rilasciano al paziente o ne rilasciano solamente una parte, dimenticando che ai fini della loro responsabilità, è difficile sostenere in giudizio la bontà e correttezza dell’operato medico nel momento stesso in cui la documentazione clinica risulta lacunosa, imprecisa, non corrispondente al vero o addirittura mancante.

Questo accade anche perchè per i liberi professionisti ed i centri privati, la tenuta e la redazione della cartella clinica non è obbligatoria, anche se consigliata.

Nei casi in cui lo studio dentistico si rifiuti di consegnare la documentazione medica, penserà l'Avv. Andrea Cova a chiederla direttamente al responsabile.

Ottenuta, comunque, la documentazione necessaria, l'Avv. COVA effettua una prevalutazione del caso unitamente all'Odontologo Forense per valutare i casi che sono procedibili.

La valutazione preventiva effettuata sulla base della relazione del danneggiato, è completamente GRATUITA e all'esito positivo, il cliente può comunque decidere se procedere nella vertenza, oppure no.

Se decide di proseguire, verrà visitato nella propria provincia di residenza dall'Odontologo Forense che collabora con lo Studio Legale COVA.

Al fine di fornire il miglior servizio possibile, una volta che la prevalutazione abbia avuto esito positivo, l''Avv. Andrea Cova incontra personalmente i clienti, su tutto il territorio italiano per la sottoscrizione del mandato e del modulo della privacy.

Nei casi in cui la duplice valutazione sia positiva, lo Studio accetta il caso e procede con la redazione e sottoscrizione di un accordo scritto con il cliente; l'Odontologo Forense visita il cliente per poi redigere la propria perizia.

Nel caso in cui, invece, il parere sia negativo il legale comunica al cliente la non procedibilità del caso e la posizione viene archiviata.

ACCORDO SCRITTO CON IL CLIENTE

L’accordo con il cliente può prevedere a scelta un pagamento per lo Studio Legale COVA solamente a risultato ottenuto (Pay per Result), oppure un pagamento sulla base della tabella dei parametri forensi allegata al decreto ministeriale 10 marzo 2014 e successive modifiche in relazione alle attività espletate.
Dopo la sottoscrizione dell'accordo, l'Avv. Andrea Cova procede alla esatta identificazione dei responsabili, effettuando visure camerali delle società/centri odontoiatrici coinvolti e svolgendo ricerche per identificare l'Ordine dei Medici e degli Odontoiatri presso il quale i dentisti responsabili risultano essere iscritti.
Queste ricerche consentono di individuare esattamente i soggetti fisici o giuridici con cui si ha a che fare e permettono, anche, di appurare l'esistenza di indirizzi PEC (Posta Elettronica Certificata) che renderanno più sicure ed immediate le future comunicazioni e notifiche.

REDAZIONE PERIZIA

In seguito alla valutazione positiva e dopo la visita medica presso lo studio odontoiatrico del fiduciario di zona, acquisita altra eventuale documentazione specialistica, l'Odontologo Forense redige la perizia medico-legale con la quale l'Avv. Andrea Cova potrà procedere nella trattativa stragiudiziale con i responsabili e nella, eventuale, successiva attività giudiziale al fine di ottenere il risarcimento dei danni subiti.

La figura dell'Odontologo Forense, la sua preparazione e il suo carisma, sono fondamentali in questa materia.

Tanti redigono le perizie medico-legali, ma pochi mantengono sempre quello che scrivono.

I medici - odontoiatri che collaborano con lo Studio Legale COVA sono tutti professori o ricercatori universitari o noti periti di Tribunale di grande esperienza e professionalità che, ad oggi, hanno ottenuto un 100% (cento per cento) di risultati positivi.

Per tutte le posizioni per le quali gli specialisti hanno dato parere positivo, i clienti sono stati risarciti,

È questo il motivo per il quale lo Studio Legale COVA accetta il pagamento a risultato ottenuto (Pay per result).

REDAZIONE LETTERA DI DIFFIDA E MESSA IN MORA

Ricevuta la perizia da parte dello specialista, l'Avv. Andrea Cova redige personalmente la lettera di diffida e messa in mora (richiesta danni) e la invia al responsabile.

Si tratta del primo atto formale posto in essere dallo studio ed ha lo scopo di mettere in mora il medico e/o la struttura pubblica o privata e interrompere in tal modo i termini della prescrizione (Leggi i termini).

La lettera è redatta e firmata personalmente dall'Avv. Andrea Cova.

Ricevuta la lettera i responsabili potrebbero non rispondere, oppure riscontrare la richiesta negando la propria responsabilità oppure comunicare il nominativo della compagnia di assicurazioni presso la quale hanno stipulato una polizza di responsabilità civile, per i danni arrecati a terzi.

In quest'ultimo caso, l'Avv. Andrea Cova instaura con l'assicurazione una trattativa che spesso va a buon fine e consente di ottenere in tempi brevi il risarcimento.

RICORSO PER ATP E CTU.

Se l'attività stragiudiziale messa in moto dalla diffida non dovesse, invece, avere successo, l'Avv. Andrea Cova procederà con la redazione ed il successivo deposito del ricorso per A.T.P. (Accertamento Tecnico Preventivo) ai sensi dell'art. 696 bis cpc presso il Tribunale competente.

In questa materia, il Tribunale competente è quello di residenza o domicilio dei responsabili (che è anche il luogo dove è sorta l'obbligazione); tuttavia, se i responsabili sono soggetti privati, è competente anche il luogo di residenza del danneggiato (Foro del Consumatore).

Il procedimento ai sensi dell'art. 696 bis cpc è un procedimento giudiziale molto veloce, che prevede una sola udienza per il giuramento del collegio dei CTU (o dello specialista Odontologo Forense) in quasi tutti i Tribunali Italiani.

Il CTU comunicherà la data nella quale, alla presenza degli specialisti di tutte le parti, visiterà il cliente, al fine di redigere e depositare un proprio elaborato peritale.

Questo procedimento, infatti, termina con il deposito di una consulenza tecnica "super partes" redatta dai consulenti medici del giudice (C.T.U.).

In altri Tribunali, come per esempio il Tribunale di Roma, la prima udienza è spesso (ma non sempre, in quanto dipende dal Giudice designato) riservata alla comparizione delle parti. In questo caso, il CTU viene convocato per la seconda udienza per il giuramento ed il conferimento dell'incarico, mentre la terza udienza è finalizzata a verificare che i consulenti del Giudice abbiano depositato la propria perizia nei termini indicati dal Giudice medesimo.

L'Avv. Andrea Cova, al fine di fornire il miglior servizio possibile ai clienti, partecipa personalmente a tutte le udienze presso tutti i Tribunali italiani, evitando di nominare avvocati domiciliatari.

DEFINIZIONE CON TRANSAZIONE O PROCEDIMENTO 702 BIS CPC

Quando l'esito del procedimento ai sensi dell'art. 696 bis cpc è positivo e la perizia individua la responsabilità e il nesso di causalità tra l'errore medico e il danno (ad oggi, sempre in tutti i casi per i quali si è proceduto) ci sono ottime probabilità di giungere ad una transazione con la struttura ospedaliera, il dentista o la loro assicurazione.

Nelle ipotesi in cui, invece, non si giunga alla predetta transazione (o la struttura sia in auto-assicurazione e cioè non assicurata) si procederà con un giudizio ex art. 702 bis (molto veloce e consistente generalmente in una sola udienza) o con un giudizio ordinario (previo esperimento dell'obbligatorio tentativo di mediazione), nei quali verrà acquisita la CTU espletata che verrà posta dal Giudice alla base della propria decisione

Se ritieni di essere vittima di un caso di Malasanità in odontoiatria contatta lo Studio Legale COVA per sapere se hai diritto a un risarcimento dei danni che hai subito compilando il modulo a fianco, raccontando cosa è accaduto e descrivendo le tue perplessità in proposito.

Indica anche nome, cognome, data di nascita e numero di telefono, per un immediato contatto.

Oppure prenota una videoconferenza con l'Avv. Andrea Cova scrivendo al nr. 338.1209218. 

Ti assistiamo in tutta Italia

L'Avv. Andrea Cova segue personalmente i propri clienti su tutto il territorio nazionale e può assisterti nelle seguenti località:

Ancona, Agrigento, Aosta, Andria, Ascoli Piceno, Avellino, Alessandria, Arezzo, Asti Bari, Barletta, Belluno, Benevento, Bergamo, Biella, Bologna, Bolzano, Brescia Pescara, Brindisi, Cagliari, Caltanissetta, Campobasso, Carbonia-Iglesias, Caserta, Catania, Catanzaro, Chieti, Como, Cosenza, Cremona, Crotone, Cuneo, Enna, Frosinone, Ferrara, Forlì-Cesena, Fermo, Firenze, Foggia, Genova, Gorizia, Grosseto, Imperia, Isernia, Latina, La Spezia, L’Aquila, Lecce, Lecco, Lodi, Livorno, Lucca, Macerata, Mantova, Matera, Massa-Carrara, Medio Campidano, Messina, Milano, Modena, Monza Napoli, Novara, Nuoro, Ogliastra, Olbia-Tempio, Oristano, Padova, Palermo, Pavia, Parma, Perugia, Pesaro Urbino, Piacenza, Pisa, Pistoia, Pordenone, Potenza, Prato, Ragusa, Ravenna, Reggio Calabria, Reggio Emilia, Rieti, Rimini, Roma, Rovigo, Sassari, Savona, Salerno, Siena, Siracusa, Sondrio, Taranto, Teramo, Terni, Torino, Trapani, Trento, Treviso, Trieste, Udine, Varese, Venezia, Verbania, Vercelli, Verona, Vibo-Valentia, Vicenza, Viterbo.