Responsabilità medica nella chirurgia estetica

Se tu o un tuo parente avete subito un danno a causa di negligenza, imperizia o imprudenza del chirurgo estetico, potreste aver diritto ad un risarcimento.

Lo Studio Legale COVA assiste i danneggiati da interventi estetici eseguiti presso strutture pubbliche e private, singoli professionisti e studi associati, in tutta Italia.

Il fondatore e titolare dello Studio, l’Avvocato ANDREA COVA, è iscritto all'Ordine degli Avvocati di Bologna sin dall’anno 1995 ed ha maturato nel corso del tempo una grande esperienza nel risarcimento danni derivanti da ogni tipologia di responsabilità sanitaria, aiutando le vittime ad ottenere giustizia.

Lo Studio Legale COVA si avvale della collaborazione dei migliori specialisti Italiani e instaura solamente azioni relative a pregiudizi rilevanti, supportate da un adeguato vaglio medico-legale e senza finalità meramente speculative.

Ogni caso di presunta responsabilità sanitaria che viene sottoposto all'attenzione dei professionisti dello Studio COVA, infatti, deve sempre ricevere una duplice valutazione: giuridica da parte del Legale e medica da parte medico-legale; solamente all’esito positivo del duplice controllo, la posizione viene accettata e la vertenza iniziata (Leggi la procedura seguita dallo Studio).


Contatta lo Studio Legale Cova per sapere se hai diritto a un risarcimento scegliendo una delle seguenti modalità:

- telefona al numero verde 800 035 180 

- scrivi tramite WhatsApp (338.1209218) 

- compila il modulo a fianco con tutti i tuoi dati spiegando la tua problematica

- invia una email all'indirizzo: info@studiolegalecova.com

- prenota un collegamento Skype con l'Avv. Cova (avv.andrea.cova).

Assistenza Legale e Medico-Legale

La chirurgia estetica rientra nel più ampio territorio della chirurgia plastica, disciplina quest’ultima volta a ripristinare una condizione di integrità fisica preesistente gravemente danneggiata da eventi di diversa natura (incidenti stradali, infortuni sul lavoro, tumori, ecc).

La chirurgia plastica viene generalmente suddivisa in chirurgia plastica ricostruttiva (riferita ai casi di ricostruzione mammaria post-mastectomia, rino-settoplastica post-traumatica, mastoplastica riduttiva per ginecomastia, ricostruzione post melanoma e tumori cutanei, ecc) e riparatrice (quando occorre porre rimedio a danni da traumi, tumori o altre cause).

La chirurgia estetica, invece, interviene in assenza di un vero e proprio danno, essendo condizionata da un mero desiderio di modificare il proprio aspetto fisico. Essa consiste in particolare in interventi di carattere correttivo (rinoplastica estetica, otoplastica, blefaroplastica, lifting, mastoplastica additiva, liposuzione e liposcultura, ecc), necessari per eliminare o migliorare imperfezioni fisiche naturali ritenute dal paziente fortemente pregiudizievoli della sua sfera affettiva, sociale o professionale.

Principali interventi estetici

I principali interventi estetici sono:

- Mastoplastica, che può essere additiva (inserimento di protesi mammarie costituite da un involucro di silicone e riempite con gel di silicone.) o riduttiva (intervento predisposto al fine di migliorare l’aspetto di mammelle voluminose mediante la riduzione del loro volume e il loro rimodellamento)

- Mastopessi o lifting del seno (rimodellamento e la risospensione della mammella senza riduzione o aumento di volume)

- Lipofilling (intervento estetico di riempimento strategico delle zone depresse, cioè l'infiltrazione di piccole quantità purificate di grasso prelevato dal paziente stesso (lipofilling autologo)

liposuzione (rimozione di depositi di grasso non desiderati da aree specifiche come l’addome, i fianchi, i glutei, le cosce, le ginocchia, gli arti superiori, il mento, le guance e il collo)

- lifting e minilifting (operazione chirurgica che modella la pelle del viso e del collo restituendo loro freschezza e turgore)

- Otoplastica (intervento di chirurgia estetica che ha lo scopo di correggere le cosiddette “orecchie a sventola)

- Rinoplastica (intervento di chirurgia estetica che consiste nel modellare la forma del naso correggendo i difetti rilevati dal paziente)

- Blefaroplastica (intervento diretto a modificare occhiaie, palpebre aggrinzite o appesantite con l’eliminazione della pelle in eccesso)

- Addominoplastica (intervento per rimuovere l’abbondanza epidermica addominale, di ventre protuberante o penzolante)

- Gluteoplastica (intervento per l’aumento di volume dei glutei)

- Addominali con effetto tartaruga (realizzazione di addominali scolpiti effetto tartaruga su uomini e donne)

- Estetica maschile

- Chirurgia intima (maschile, femminile, lifting scrotale)

- Medicina estetica

- Cosmesi

Risarcimento danni

Le procedure di richiesta danni contro i chirurghi estetici sono disciplinate dalle stesse leggi applicabili ai medici in generale.

Il chirurgo estetico, cioè, è tenuto al rispetto delle leges artis della medicina applicabili alla sua attività. Nel caso in cui il medico abbia violato tali regole ed il paziente abbia subito, conseguentemente, un danno alla salute, il paziente stesso avrà diritto ad un risarcimento del danno.

Ai fini della responsabilità medica occorre considerare che anche l'obbligazione del medico chirurgo nei confronti del paziente non è un'obbligazione di risultato ma un'obbligazione di mezzi.

Ciò vuol dire che il chirurgo estetico, assumendo l'incarico che gli viene conferito dal paziente, non si impegna a raggiungere sicuramente il risultato sperato, ma soltanto a operare con prudenza, diligenza e perizia e nel pieno rispetto delle linee guida.

La questione si riverbera anche sulla portata del consenso informato, che ha la finalità di tutelare tanto il paziente, quanto il medico.

Nell'informativa da rendere prima dell'intervento chirurgico, il sanitario deve infatti stabilire in maniera precisa il risultato cui tende l'operazione, le modalità con le quali avrà luogo l'intervento, i rischi effettivi che con lo stesso si corrono e le conseguenze pregiudizievoli che ne possono derivare.

Solo in tal modo il paziente, chiamato a valutare adeguatamente e con la massima attenzione le informazioni fornitegli, accetterà consapevolmente l'operazione.

La Corte di Cassazione è pacifica sul punto; emblematica la sentenza numero 3604/1982, che afferma che "è onere del chirurgo, prima di procedere a un'operazione, al fine di ottenere un valido consenso del paziente, specie in caso di chirurgia estetica, informare questi dell'effettiva portata dell'intervento, degli effetti conseguibili, delle inevitabili difficoltà, delle eventuali complicazioni, dei prevedibili rischi coinvolgenti probabilità di esito infausto".

Lo Studio Legale COVA ha in essere rapporti di collaborazione con i migliori specialisti Italiani.

Tali rapporti di collaborazione consentono allo Studio Legale COVA di offrire al cliente (su tutto il territorio nazionale) un servizio medico-legale di eccellenza qualitativa e la possibilità di applicare alla gestione di queste posizioni il principio innovativo del pay per result (pagato in base al risultato): acquisito il parere positivo del medico-legale, se il cliente lo vorrà, potrà essere sottoscritto un contratto che stabilisce che il compenso sarà dovuto dal cliente solo in caso di esito favorevole della controversia e in misura percentuale rispetto ai vantaggi conseguiti dal cliente, ai sensi dell’art. 25 del Nuovo Codice Deontologico Forense approvato il 31.01.2014.

Il cliente, pertanto, sosterrà unicamente le spese necessarie allo svolgimento dell'attività, mentre i compensi dello Studio Legale COVA verranno pagati solamente  in caso di esito positivo; nessun compenso verrà invece pagato in caso di esito negativo (evenienza, ad oggi, non ancora verificatasi).

In alternativa, i compensi dello Studio Legale COVA potranno essere determinati conformemente alla tabella dei parametri forensi allegata al decreto ministeriale 10 marzo 2014 e successive modifiche in relazione alle attività espletate.

Prescrizione del diritto e danni risarcibili

Il termine di prescrizione e, cioè, di estinzione del diritto è lo stesso di tutte le altre ipotesi di responsabilità sanitaria.

È possibile, quindi, ottenere il risarcimento dei danni causati dal chirurgo estetico entro dieci anni decorrenti da quando il diritto può essere fatto valere.

Ciò vale sia nei confronti delle strutture pubbliche (Ausl, Aziende Ospedaliere, ecc) che private, sia nei confronti dei liberi professionisti, anche associati. Nei confronti dei dentisti che lavorano in qualità di dipendenti, invece, il termine di prescrizione è di cinque anni.

Tale abbreviato termine di prescrizione non crea comunque alcun problema, dal momento che nei confronti della struttura il termine è, come detto, di dieci anni.

Il chirurgo risponde dei danni causati nei casi in cui si è comportato in modo imprudente, negligente o imperito ovvero quando è incorso nella violazione di una norma di legge, regolamento, ordine o disciplina.

Nel primo caso si parla di colpa generica; nel secondo di colpa specifica.

E' configurabile, anche, la responsabilità per una condotta omissiva, in tutte le ipotesi in cui non venga impedito un evento che si ha l'obbligo giuridico di impedire.

Esiste, altresì, una responsabilità professionale derivante dalla violazione dei doveri previsti dal codice penale (falsità ideologica in certificato, omissione di referto, ecc).

Nei casi in cui la lesione subita dal paziente sia stata causata da errori commessi dal chirurgo, al paziente saranno risarcibili i danni patrimoniali consistenti nella restituzione del compenso percepito dal medico e nel pagamento delle spese necessarie per gli interventi riparatori, nonché i danni non patrimoniali e cioè il danno biologico riportato (compreso l'eventuale danno psichico), personalizzato in relazione al danno morale e al danno esistenziale.

In questo modo il danneggiato, oltre a conseguire il giusto risarcimento del danno, può ottenere i mezzi per eliminare (ove possibile) i danni causati dal chirurgo estetico, rivolgendosi ad altro professionista.

Qui puoi trovare la spiegazione dei danni risarcibili

Perché rivolgersi allo Studio Legale COVA

La materia del risarcimento del danno da malpratica medica è molto complicata ed è necessario rivolgersi ad un avvocato esperto della materia, evitando di ricorrere ad una infortunistica stradale o ad una associazione che si spaccia per Tribunale del Malato ed il cui personale non è preparato e qualificato per gestire queste situazioni.

Il parere medico-legale, integrato alla consulenza legale dell'avvocato, consente di capire con precisione e velocità a quale patologia corrispondano i sintomi indicati dal cliente e stabilire se la patologia individuata sia la conseguenza di errori commessi dal chirurgo o dalla clinica presso il quale si è svolto l'intervento.

Per questa materia, lo Studio Legale COVA è attivo in tutta Italia e per i danni estetici ha instaurato rapporti di collaborazione con i migliori specialisti della materia, tutti noti professori universitari e periti di Tribunale.

Dove siamo

Lo Studio legale COVA ha sede unica a Bologna, via Massimo D'Azeglio n. 29, presso la quale l'Avv. ANDREA COVA riceve su appuntamento.

Per le posizioni di responsabilità sanitaria, tuttavia, lo Studio Legale COVA opera in tutta Italia nelle città e relative province più sotto indicate.

Tutte le posizioni vengono seguite personalmente dall'Avv. ANDREA COVA, su tutto il territorio italiano.

È l'Avv. ANDREA COVA a incontrare il cliente presso la Sua provincia di residenza e a partecipare, personalmente, a tutte le udienze nelle cause che verranno instaurate, in tutta Italia, evitando di incaricare avvocati domiciliatari.

Avviando una vertenza, quindi, avrai come unico referente legale il fondatore e titolare dello Studio Avv. ANDREA COVA che, passo dopo passo, seguirà la Tua posizione e Ti consentirà di ottenere il giusto risarcimento dei danni.

Contatta lo Studio Legale Cova per prendere appuntamento per una consulenza scegliendo una delle seguenti modalità:

- telefona al numero verde 800 035 180 

- scrivi tramite WhatsApp (338.1209218) 

- compila questo modulo 

- invia una email all'indirizzo:  info@studiolegalecova.com  

- prenota un collegamento Skype con l'Avv. Cova (avv.andrea.cova).


Possiamo seguirti in tutta Italia

Lo Studio Legale Cova segue i propri clienti su tutto il territorio nazionale e se sono presenti i presupposti, può assisterti nelle seguenti località:

Ancona, Agrigento, Aosta, Andria, Ascoli Piceno, Avellino, Alessandria, Arezzo, Asti Bari, Barletta, Belluno,Benevento, Bergamo, Biella, Bologna, Bolzano, Brescia Pescara, Brindisi, Cagliari, Caltanissetta, Campobasso, Carbonia-Iglesias, Caserta, Catania, Catanzaro, Chieti, Como, Cosenza, Cremona, Crotone, Cuneo, Enna, Frosinone, Ferrara, Forlì-Cesena, Fermo, Firenze, Foggia, Genova, Gorizia, Grosseto, Imperia, Isernia, Latina, La Spezia, L’Aquila, Lecce, Lecco, Lodi, Livorno, Lucca, Macerata, Mantova, Matera, Massa-Carrara, Medio Campidano, Messina, Milano, Modena, Monza Napoli, Novara, Nuoro, Ogliastra, Olbia-Tempio, Oristano, Padova, Palermo, Pavia, Parma, Perugia, Pesaro Urbino, Piacenza, Pisa, Pistoia, Pordenone, Potenza, Prato, Ragusa, Ravenna, Reggio Calabria, Reggio Emilia, Rieti, Rimini, Roma, Rovigo, Sassari, Savona, Salerno, Siena, Siracusa, Sondrio, Taranto, Teramo, Terni, Torino, Trapani, Trento, Treviso, Trieste, Udine, Varese, Venezia, Verbania, Vercelli, Verona, Vibo-Valentia, Vicenza, Viterbo.