Studio Legale Cova

Assistenza in tutta Italia per ogni tipologia di responsabilità sanitaria

Richiedi informazioni chiamando il NUMERO VERDE Da Lunedì a Sabato dalle 09.00 alle 19.00

Il dentista abusivo: quale tutela


È dentista abusivo il soggetto che esercita abusivamente la professione di odontoiatra (Leggi chi è l'odontoiatra).
Secondo recenti statistiche della Federazione Nazione dell’Ordine dei Medici su 60.000 regolari in Italia sono circa 15.000 falsi dentisti che truffano e danneggiano ignari pazienti.
Il falso dentista è una persona che approfittando della distrazione e della buona fede dei pazienti, si spaccia per dentista senza averne i titoli professionali, anche se opera all’interno di uno studio odontoiatrico in presenza di un odontoiatra (prestanome) compiacente e senza scrupoli.
L’odontoiatra prestanome, spesso, si limita a ricoprire la carica di direttore sanitario, consentendo all’ambulatorio odontoiatrico di funzionare e di attirare gli ignari pazienti.
A volte si tratta di persone senza laurea; a volte di persone laureate all’estero, ma non abilitate a svolgere la professione in Italia; a volte di odontotecnici che eseguono cure odontoiatriche, pur non potendolo fare.
Il dentista abusivo, oltre a non possedere l’abilità e la conoscenza di un odontoiatra abilitato:
- non conosce i rischi di trasmissione da un paziente all’altro di malattie infettive (Epatite B e C, AIDS) ed i mezzi per impedire che questo accada; pertanto non può garantire adeguati sistemi di sterilizzazione e quindi le possibilità di essere infettati sono molto elevate;
- non ha alcuna preparazione per prestare le cure, per applicare in bocca la protesi o un apparecchio ortodontico; può, quindi, eseguire terapie non idonee come estrazioni di denti invece recuperabili, capsule e ponti laddove non ce n’è bisogno;
- non conosce alcunchè del passato sanitario del paziente e degli eventuali problemi di salute generale che potrebbero rendere pericoloso un intervento odontoiatrico;
- non ha la capacità di diagnosticare precocemente tumori e altre patologie orali che a differenza di un “ponte” possono comportare un rischio per la propria vita;
- dedica scarsa o nulla attenzione alla prevenzione che è il primo obiettivo di un vero medico.
Il dentista abusivo è quindi un pericolo per salute e, quando scoperto, va denunciato all’Autorità Giudiziaria.
Capire se un dentista è regolarmente abilitato ed iscritto all’Ordine, oggi, è semplice: è sufficiente visitare la pagina della Federazione nazione dei medici e degli odontoiatri per verificare se è iscritto all’Albo, oppure no.
RISARCIMENTO DANNI
È possibile ottenere il risarcimento dei danni causati dal dentista abusivo.
Egli, infatti, risponderà, in concorso con l’odontoiatra prestanome e a titolo extracontrattuale, di tutti i danni arrecati.
Risponderà dei danni, anche, il Direttore Sanitario del centro odontoiatrico il quale ha, tra i propri compiti, quello di verificare che i dentisti che vi lavorano, posseggano i titoli necessari per esercitare la professione.
Cosa rischia il dentista abusivo
L’art. 348 del codice penale recentemente riformato, prevede che l’esercizio abusivo della professione sia punito con una pena da 6 mesi a 3 anni di reclusione, una multa da 10.000 a 50.000 euro e la confisca dell’attrezzatura.
Lo 
Studio Legale COVA, specializzato in malasanità, assiste i danneggiati da interventi odontoiatrici eseguiti presso strutture pubbliche e private, singoli professionisti e studi associati, in TUTTA ITALIA e, quindi, anche nel caso i dentisti abusivi.

I COSTI

In linea generale, il compenso dello Studio Legale COVA è proporzionale al risultato ottenuto e viene liquidato a fine vertenza, al momento della riscossione del risarcimento erogato dai soggetti responsabili, i quali sono per lo più garantiti da apposite polizze assicurative o da altre forme di ritenzione del rischio assicurativo.
Se il caso verrà reputato meritevole di attenzione, sarà cura del titolare dello Studio Legale illustrarVi le modalità per la sua gestione, dalla valutazione medico-legale e/o specialistica, alla gestione stragiudiziale della vertenza, fino – qualora necessario – alla proposizione dell’azione giudiziale di risarcimento danni.

Chi vi tutela per ottenere il risarcimento danni

Tutte le posizioni sono gestite direttamente dall'Avv. Andrea Cova.

Al fine di fornire il miglior servizio possibile, l'Avvocato COVA incontra, in tutta Italia, le vittime di malasanità e partecipa personalmente alle udienze nei vari Tribunali italiani, evitando di incaricare avvocati domiciliatari.

Prima ancora di incontrare i clienti, l'Avv. Andrea COVA è disponibile a un colloquio non impegnativo nella sede del proprio studio o in videoconferenza (WhatsApp, Skype, Zoom) fruibile anche da tablet e smartphone, per valutare la procedibilità del caso.
All'esito del colloquio, il cliente potrà decidere se procedere oppure no.

Se ritieni di essere vittima di un dentista abusivo o di un caso di Malasanità in odontoiatria contatta lo Studio Legale COVA per sapere se hai diritto a un risarcimento dei danni che hai subito compilando il modulo a fianco, raccontando cosa è accaduto e descrivendo le tue perplessità in proposito.

Indica anche nome, cognome, data di nascita e numero di telefono, per un immediato contatto.

Oppure prenota una videoconferenza con l'Avv. Andrea Cova scrivendo al nr. 338.1209218. 

Ti assistiamo in tutta Italia

L'Avv. Andrea Cova segue personalmente i propri clienti su tutto il territorio nazionale e può assisterti nelle seguenti località:

Ancona, Ascoli Piceno, Avellino, Alessandria, Arezzo, Asti, Belluno, Benevento, Bergamo, Biella, Bologna, Bolzano, Brescia Pescara, Caserta, Chieti, Como, Cremona, Cuneo, Frosinone, Ferrara, Forlì-Cesena, Fermo, Firenze, Genova, Gorizia, Grosseto, Imperia, Isernia, Latina, La Spezia, L’Aquila, Lecco, Lodi, Livorno, Lucca, Macerata, Mantova, Matera, Massa-Carrara, Milano, Modena, Monza Napoli, Novara, Padova, Palermo, Pavia, Parma, Perugia, Pesaro Urbino, Piacenza, Pisa, Pistoia, Pordenone, Potenza, Prato, Ravenna, Reggio Emilia, Rieti, Rimini, Roma, Rovigo, Savona, Salerno, Siena, Sondrio, Teramo, Terni, Torino, Trento, Treviso, Trieste, Udine, Varese, Venezia, Verbania, Vercelli, Verona, Vicenza, Viterbo.